Esplorare Agrigento

scopri le risorse turistiche, culturali e artistiche del territorio

Un colpo d'occhio sulla città

Postato in Storia e Tradizioni

uno scrigno di storia e cultura

Un colpo d'occhio sulla città

Agrigento è una splendida città millenaria in cui scoprirai straordinari tesori archeologici e architettonici nella cornice di un mare   greco e di una natura incantata. Una meta ricca di fascino in cui Arte, Cultura e Natura convivono in un'atmosfera magica ferma nel tempo del mito. L’antica “Akragas”, definita da Pindaro "la più bella fra le città dei mortali”, fu fondata nel 581 a.C. e divenne in breve tempo una delle più fiorenti città della Magna Grecia. Aggirandoti per Agrigento ti accorgerai di trovarti immerso in una dimensione particolarissima: il carattere della città è tutto un insieme di culture millenarie che hanno lasciato qui la loro impronta creando una miscela unica e affascinante.

Macalube di Aragona

Postato in Itinerari Turistici, Parchi e riserve naturali

un paesaggio lunare

Macalube di Aragona

La Riserva Naturale Integrale Macalube di Aragona si trova a pochi chilometri dal centro di Aragona e a 15 Km da Agrigento. L'area di riserva è caratterizzata dalle Maccalube, delle suggestive e caratteristiche sorgenti idroargillose, dei vulcanelli che eruttano argilla. Tutto intorno in autunno con le prime piogge le alture sono coperte da leggero prato verde, che in primavera in un esplosione di colori veste le colline con un tappeto di fiori selvatici. Col sopraggiungere dell'estate tornano a prevalere i colori ambrati tipici della stagione calda siciliana. In questo paesaggio spicca con notevole suggestione la collina dei Vulcanelli; essa si presenta come una landa brulla di colore dal biancastro al grigio al grigio scuro, dalla quale si elevano, quasi a ricordare un paesaggio lunare, una serie di vulcanelli di fango, alti intorno al metro.

Terme Acqua Pia di Montevago

Postato in Turismo Termale

il posto ideale per riconquistare il giusto equilibrio psicofisico

Terme Acqua Pia di Montevago

Immerse in una rigogliosa vegetazione mediterranea, in un luogo d'incantevole bellezza dove il silenzio è interrotto soltanto dal gorgoglio della sorgente del fiume Belice si trovano le Terme Acqua Pia di Montevago. Aperte nel periodo che va da marzo a novembre, sono raggiungibili in auto percorrendo l'autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo e imboccando l'uscita per Santa Ninfa. Qui tra piscine termali e graziose cascatelle alimentate con acqua termale che sgorga costantemente potrete trascorrere un periodo di relax e di riposo. In uno splendido parco attrezzato per far trascorrere un gioioso e tranquillo soggiorno si trova il moderno centro termale, posto ideale per riconquistare il giusto equilibrio psicofisico.

Sciacca, Città delle Terme

Postato in Turismo Termale

il luogo ideale per ritrovare il benessere

Sciacca, Città delle Terme

Sulla costa sud occidentale della Sicilia, tra le foci del fiume Platani e Belice, sorge Sciacca, grosso comune noto per le sue acque termali sulfuree che sgorgano dal vicino Monte San Calogero e che ogni anno attraggono migliaia di turisti. Fanghi, bagni, inalazioni, docce o vapori sono consigliati ormai da numerosi medici per la cura di diversi disturbi e insieme alla mitezza del clima e al paesaggio incantevole fanno delle Terme di Sciacca il luogo ideale per ritrovare il benessere del corpo e della mente. La cittadina sorge proprio sul Canale di Sicilia, di fronte all'isola di Pantelleria e a Tunisi, e vicino ai grandi Parchi archeologici di Selinunte, Segesta, Eraclea Minoa ed Agrigento.

Casa Pirandello

Postato in Parchi Letterari

il figlio insigne della Sicilia

Casa Pirandello

La Casa dove Luigi Pirandello nacque il 28 giugno 1867 da Don Stefano Pirandello e da Donna Caterina Ricci Gramitto, è un luogo magico della memoria che non si può perdere venendo in Sicilia. In contrada Caos, a quattro chilometri da Agrigento, è raggiungibile percorrendo la strada statale 115 per Porto Empedocle. La costruzione rurale di fine Settecento è posta su un altopiano a strapiombo sul mare, punteggiato da ulivi e querce. I Ricci Gramitto, avi di parte materna dello scrittore, vennero in possesso della Villa nel 1817. In questa casa la famiglia Pirandello si era rifugiata per allontanarsi dalla grave epidemia di colera che nel 1867 imperversava in tutta l'isola. Danneggiata nel 1944 dallo scoppio del vicino deposito di munizioni delle truppe americane, venne dichiarata nel 1949 monumento nazionale.

L'area Archeologica di Eraclea Minoa

Postato in Parchi e riserve naturali

L'area Archeologica di Eraclea Minoa

La zona archeologica di Eraclea Minoa è situata sulla sinistra del fiume Halycos, oggi Platani, su una collinetta che si affaccia sulla lunga e bianchissima spiaggia di Capo Bianco, coronata da una bella pineta. La città fu fondata dai Cretesi intorno al II millennio a.C. che la chiamarono Minoa per onorare la morte del re di Creta Minosse, venuto in Sicilia per raggiungere e uccidere l'architetto ateniese Dedalo, colpevole di aver favorito sua moglie Pasifae, a congiungersi con un toro di cui si era innamorata.

Palma di Montechiaro, la città del Gattopardo

Postato in Itinerari Turistici, Castelli

la città della famiglia Tomasi...antenati dell'autore del Gattopardo

 Palma di Montechiaro, la città del Gattopardo

A pochi kilometri da Agrigento sorge Palma di Montechiaro, piccolo centro agricolo fondato nel 1637 dalla famiglia Tomasi di Lampedusa, ai tempi signori di Montechiaro. La città fu progettata seguendo un piano urbanistico di forte valenza simbolica. Il ragusano Giovan Battista Hodierna, astronomo e primo arciprete di Palma, si occupò di redigere il progetto del nuovo centro, sulla base di complessi calcoli astronomici relativi alla posizione degli astri nel giorno e nell’ora della fondazione del paese.

Riserva Naturale Orientata Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio

Postato in Parchi e riserve naturali

una delle zone più suggestive, selvagge e incontaminate della Sicilia

Riserva Naturale Orientata Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio

Nel territorio di Palazzo Adriano, sui Monti Sicani si trova un autentico angolo di paradiso, la Riserva Naturale Orientata 'Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio', quasi 6 mila ettari di bosco incontaminato fra le province di Palermo e Agrigento, nei territori di Burgio, Bivona, Palazzo Adriano e Chiusa Sclafani. Istituita nel luglio del 1997 la Riserva copre circa 5.862 ettari di cui 3.803 costituenti la zona A di riserva e 2.058 la zona B di preriserva, e racchiude una delle zone più suggestive, selvagge e incontaminate della Sicilia.

Monte Cammarata e Monte Gemini

Postato in Parchi e riserve naturali

la vetta più alta dei Monti Sicani

Monte Cammarata e Monte Gemini

Cammarata (AG) è un paese agricolo che sorge su una pittoresca rupe alle pendici di Monte Cammarata. Ai piedi dell'altra cima del monte, chiamato anche Gemini, cioè gemello, sorge invece, il paese di San Giovanni Gemini. Oltre a questi due paesini nel territorio della Riserva di Monte Cammarata si trova anche il centro abitato di Santo Stefano di Quisquina, noto perché ospita un santuario dedicato a Santa Rosalia, patrona di Palermo. Immerso in un boschetto di querce, a 986 m. sul livello del mare, l'eremo fu costruito nella seconda metà del '700 addossato alla spelonca nella quale si era ritirata la Santa, figlia del signore di quelle terre, prima di trasferirsi sul Monte Pellegrino, a Palermo.

Campobello di Licata, Città d'Arte

Postato in Itinerari Turistici

Campobello di Licata, Città d'Arte

Su un altopiano della valle del fiume Salso, tra verdi colline ricche di vigneti, frutteti e campi di grano, sorge Campobello di Licata, un comune collinare della provincia di Agrigento situato a 316 metri sul livello del mare. La cittadina che conta circa 11.500 abitanti si colloca nel cuore della Sicilia centro meridionale a 25 Km dalla costa del Canale di Sicilia e a 50 Km a est della Valle dei Templi di Agrigento.